Obblighi del committente

Normativa edilizia e della sicurezza sui cantieri

Obblighi del committente nei cantieri privati e pubblici

Chi è il committente

Secondo le definizioni date dal D. Lgs. 81/08. (normativa vigente in materia di salute e sicurezza sul lavoro), il committente è il soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Si è pertanto committenti, ogni qual volta si ha necessità di costruire o intervenire su un’opera già realizzata con lavori di ristrutturazione, ampliamento o manutenzione, inclusi gli impianti di servizio.

Obblighi del committente

Il committente è il primo responsabile per quanto riguarda la sicurezza in cantiere in quanto la normativa gli conferisce degli obblighi. In particolare, l’art. 90 stabilisce che il committente:

  • deve valutare tutti i rischi nelle fasi di progettazione dell’opera, al momento delle scelte architettoniche, tecniche ed organizzative, onde pianificare modalità operative e tempi di realizzazione.
  • laddove è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente deve designare il coordinatore per la progettazione (CSP), contestualmente all’affidamento dell’incarico di progettazione, e il coordinatore per l’esecuzione dei lavori (CSE), prima dell’affidamento dei lavori stessi, e comunicarne alle imprese esecutrici e lavoratori autonomi il nominativo. La designazione del CSE deve essere fatta anche qualora, dopo l’affidamento dei lavori a un’unica impresa, l’esecuzione dei lavori o di parte di essi debba essere affidata a una o più imprese.

Designazione CSP e CSE

La designazione del CSP non è necessaria per lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad € 100.000. In tal caso, le funzioni del CSP sono svolte dal CSE.

Poiché la nomina di una persona priva dei requisiti equivale a non averla effettuata, è assolutamente necessario prestare attenzione ai requisiti professionali del CSP e del CSE che sono definiti dall’art. 98 del D.Lgs. n. 81/08. In particolare, questi professionisti devono essere in possesso di una laurea magistrale o specialistica, oppure di un diploma di geometra o perito industriale o perito agrario o agrotecnico. 

Oltre al possesso del titolo di studio, per poter assumere l’incarico di Coordinatore, è necessario

  • aver frequentato uno specifico corso di formazione della durata di 120 ore, con verifica finale di apprendimento.
  • aver espletato attività lavorativa nel settore delle costruzioni.

Il committente (o il responsabile dei lavori) qualora in possesso dei suddetti requisiti, ha facoltà di svolgere le funzioni sia di CSP sia di CSE.

Verifica dell’idoneità tecnico – professionale

Il committente, prima dell’affidamento dei lavori, anche nel caso di affidamento dei lavori ad un’unica impresa o ad un lavoratore autonomo, verifica l’idoneità tecnico-professionale in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare. A tal fine, le imprese affidatarie dovranno presentare al committente:

  • iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto;
  • documento di valutazione dei rischi, o nel caso di lavoratori autonomi, specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo di macchine, attrezzature e opere provvisionali, elenco dei dispositivi di protezione individuali in dotazione ed attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria.
  • documento unico di regolarità contributiva DURC;
  • dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi.

Il committente (o il responsabile dei lavori, se nominato) assicura l’attuazione degli obblighi a carico del datore di lavoro dell’impresa affidataria previsti dall’articolo 97 del D.Lgs. 81/08

Invio della notifica preliminare

Il committente invia la notifica preliminare all’Azienda Unità Sanitaria Locale e alla Direzione Provinciale del Lavoro se nel cantiere è prevista la presenza anche non contemporanea di più imprese esecutrici o se vi opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini- giorno. Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dell’organo di vigilanza territorialmente competente.

Responsabile dei Lavori

Il responsabile dei lavori è un soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto. Il responsabile dei lavori è una figura o un ruolo , distinto dal direttore dei lavori o dal coordinatore della sicurezza. La nomina del responsabile dei lavori è una facoltà e non un obbligo da parte del committente ed è stata, altresì, eliminata la scelta obbligata da parte dello stesso committente di individuare il responsabile dei lavori nelle figure del progettista o del direttore dei lavori.

Trasmissione all’amministrazione competente 

E’ necessario trasmettere all’amministrazione concedente, prima dell’inizio dei lavori oggetto del permesso di costruire, SCIA alternativa, SCIA o CILA, copia della notifica preliminare, il documento unico di regolarità contributiva DURC delle imprese e dei lavoratori autonomi, e una dichiarazione attestante l’avvenuta verifica dell’idoneità tecnico professionale delle imprese affidatarie e/o lavoratori autonomi.

Sanzioni a carico del committente e/o responsabile dei lavori

Per il committente o per i responsabili dei lavori sono previste dall’art. 157 del D.Lgs. 81/08 sanzioni penali o amministrative in caso di mancata osservanza delle indicazioni sopra indicate. A seconda della mancanza, posso variare dalla sanzione amministrativa da 614.25 €, all’arresto con ammenda fino a 7.862.44 €.

Sentenze | Obblighi del committente

La Cassazione si è più volte espressa sul ruolo del committente e sull’osservanza degli obblighi previsti in seguito ad infortunio sul lavoro. In questi casi, altre alle sanzioni per le violazioni sopra indicate, si deve rispondere civilmente e penalmente del reato che si è determinato (Omicidio o Lesioni Personali colpose).

La Cassazione richiama il principio secondo cui il committente ed il responsabile dei lavori hanno il ruolo di controllo sull’adempimento da parte dei coordinatori degli obblighi di assicurare e di verificare il rispetto delle disposizioni contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento PSC, nonché la corretta applicazione delle procedure di lavoro da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi.

2021-02-09